5xmille

Progetti Faunistici raccolta dati

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Login

SEZIONE PROVINCIALE DI MASSA CARRARA

La Sezione Provinciale di Massa Carrara ha eletto i nuovi organi dirigenti

Nella serata di ieri, 9 novembre, il Consiglio direttivo della Sezione Federcaccia di Massa Carrara ha eletto, con voto unanime, Presidente, Vicepresidenti, Segretario e Giunta esecutiva. Il Presidente uscente, Dino Bertozzi, da 18 anni al vertice della Sezione, è stato il primo fautore del rinnovamento, avendo da tempo annunciato l'impossibilità, per motivi di salute, di proseguire nell'impegno. Assieme a Bertozzi si erano dimessi, prima della riunione, gli altri componenti della Presidenza, per sottolineare la collegialità della direzione e consentire al Consiglio di rinnovare il mandato all'intera nuova squadra: Fabrizio Basteri Presidente, Carlo Romanelli Vicepresidente vicario, Pietro Fornari e Piero Lazzini Vicepresidenti, Antonio Moscatelli Segretario, Merlini e Zeraschi componenti di Giunta.
Dino Bertozzi è stato investito, per acclamazione, Presidente Onorario della Sezione Provinciale.
Il Presidente di Federcaccia Toscana Moreno Periccioli, nel suo intervento ha ringraziato Bertozzi della lunga e appassionata direzione della Federcaccia di Massa Carrara, "con l'intelligenza, l'attenzione, il rispetto, con quella pacatezza che ha evidenziato una straordinaria forza d'animo e tranquillità interiore"...Dopo l'augurio di buon lavoro a Basteri e alla sua squadra, " grandi sono le aspettative per la vostra attività. rappresentare il 70% dei cacciatori attivi della provincia vi carica di una grande responsabilità ...rafforzare l'autonomia, la capacità di proposta, sviluppare le alleanze con il mondo agricolo, combattere la demagogia, il collateralismo e la strumentalizzazione che caratterizzano l'azione di una parte, seppur piccola, del mondo venatorio, è il compito che vi attende...", il Presidente si è soffermato sulle vicende di attualità. Forte è stato il richiamo alla politica a fare il proprio mestiere "...non è pensabile che una maggioranza con questi numeri non approvi la modifica alla 157, una legge immodificata da 18 anni in un contesto faunistico, ambientale e istituzionale radicalmente trasformato..." così come dal Consiglio Regionale della Toscana..."siamo in attesa del provvedimento promesso sullo storno dopo l'ordinanza del Tar del Veneto che ha respinto i ricorsi sulle decisioni della regione di consentire la caccia in deroga a diverse specie, non ci sono più alibi formali, quello che verificheremo è la volontà politica di fare."