Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

FEED - RSS

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Nuova Convenzione per soci Fidc

Guida alla Mobilità Venatoria 2018-2019

Raduno Nazionale Falconeria

Il Colpo d’Ala

Nuove arre vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Tos Caccia

Login

Eventi

A Guardistallo la terza festa del cacciatore

La Federcaccia di Guardistallo (Pisa) con il patrocinio del Comune e la collaborazione di tutte le Associazioni del paese organizza il 17, 18 e 19 Giugno prossimi la 3 festa del cacciatore. Per tre giorni il piccolo paesino situato a trecento metri di altezza affacciato sul mare di Cecina, ospiterà un evento ricco di attrazioni e motivi di interesse, mostre canine di bellezza, gare cinofile su fagiano, arcieri, aria compressa, gara di tiro al cinghialino corrente, dimostrazioni di agility dog, dog terapy, cani da tartufi, e cani da traccia, appassionati di colombi, falconeria, esposizioni e mostra mercato con aziende di settore e non. Imperdibile l’occasione per poter parlare di caccia in una zona di collegamento importante tra le province di Pisa, Livorno e Siena che ancora oggi regala agli appassionati molte emozioni.
Per non parlare della cucina e delle “massaie” che durante tutta la manifestazione delizieranno il palato dei visitatori con numerose specialità gastronomiche e culinarie, il tutto a base di prelibata cacciagione.
Per chi volesse partecipare, info aggiornate e contatti su:

http://fidcguardistallo.oneminutesite.it/index.html

 

Crespina - Antica fiera delle civette

Mercoledì 29 settembre, Crespina piccolo comune della  provincia di Pisa, è tornata a festeggiare il proprio Patrono San Michele con la tradizionale Fiera delle civette.

La Fiera delle civette nasce dall'antichissima usanza contadina di allevare ed ammaestrare le civette per adoperarle nella caccia delle allodole.L'ammaestramento consisteva nell'insegnare alla civetta a stare su un'asta di legno alta un metro e mezzo con sopra un grosso sughero alla quale la civetta era tenuta legata con un cordino lungo circa due metri.

Togliendo l'asta la civetta rimaneva librata in aria in attesa di riposarvi.
Questo svolazzamento o “ritornello”  incuriosiva le allodole e le faceva avvicinare.

Inizialmente le civette venivano vendute durante la festa del patrono S. Michele, 29 settembre, poi man mano per dimostrare l'addestramento e l'integrità dell'animale la fiera divenne una vera e propria gara di civette ricca di spettacolarità.

Anche questa edizione ha richiamato a Crespina numerosi cacciatori, e un folto pubblico, che ha potuto apprezzare nel pomeriggio, in piazza Monumento ai Caduti l’esibizione delle civette, nate e cresciute in cattività presso il locale allevamento, voluto dai Crespinesi per mantenere in essere questa importante tradizione.

Questo importante evento ha rischiato di scomparire dopo centinaia di anni, in conseguenza delle disposizioni del dettato della  Convenzione di Berna che ha vietato la cattura di questi piccoli rapaci notturni.

Negli anni grazie alla spettacolarità e al folclore della Fiera e al fascino ammaliatore e a volte misterioso che avvolge la civetta la manifestazione è divenuta sempre più conosciuta e nel 1970 il comune di Crespina ha inaugurato un monumento in bronzo “alla civetta” ad opera dello scultore Angelo Biancini, durante questa edizione il monumento è stato trasferito sulla piazza antistante il Comune, piazza C.Battisti.

Nella mattinata si sono svolte le gare canore per uccelli da richiamo, Fringuelli, Passeri, Cesene, Allodole, Sasselli, Merli, Tordi, numerosi i partecipanti, premiati con bellissimi premi dal Comune, dalla locale Pro-loco e dalla Federcaccia.

L’Organizzazione della Fiera da sempre trova nella locale Sezione della Federcaccia, nel suo instancabile Presidente Adriano Biasci e tutti i consiglieri, un punto di sostegno fondamentale per il proseguo della manifestazione, volontà che come associazione vogliamo continuare ad assicurare, per mantenere vive queste tradizioni della ruralità delle nostre campagne, un patrimonio culturale che non possiamo permettere sia disperso.

Documenti di approfondimento
Crespina.pdf [ ] 2916 Kb  

Convegno caccia di selezione

Buon successo dell'iniziativa voluta dalla Federcaccia di Pisa per valutare i risultati ottenuti in diverse province toscane per quanto riguarda la gestione dei cervidi e bovidi. Dopo il saluto iniziale del Presidente Provinciale Federcaccia di Pisa Marco Salvadori, il quale ha ricostruito rapidamente dal 1998 ad oggi la storia e la gestione della caccia di selezione nella provincia di Pisa il Prof. Marco Apollonio Docente all'Università di Sassari, e principale ideatore di questa forma di caccia e di gestione in Toscana ha relazionato sulle nuove opportunità di gestione, non tralasciando le difficoltà che ancora restano da superare, censimenti, piani di prelievo, contenimento danni. Successivamente il Dott. Luca Mattioli, Funzionario e responsabile per gli ungulati alla Provincia di Arezzo, il Dott. Federico Morimando, naturalista e Dottore di Ricerca in biologia animale e zoologia per la provincia di Siena, e il Funzionario provinciale Dott. Vito Mazzarone per la Provincia di Pisa, hanno relazionato sulle esperienze di gestione nelle tre importanti province toscane, ripercorrendo i risultati ottenuti le prospettive, i panorami le aspettative che ancora entusiasmano numerosi cacciatori.
Massimo Cocchi, Presidente Oikos, ha presentato una serie di idee innovative che ha posto come riflessione e una eventuale successiva valutazione tra tutti i presenti.
L'URCA pisana oltre a presentare una mostra di trofei, per bocca del suo presidente Castellacci, si è soffermata su urgenti richieste di modifica sul regolamento provinciale, il presidente dell'ATC 3, Kwiatowski, ha brevemente illustrato l' esperienza aretina, e in particolare i buoni risultati ottenuti nell'ATC da Lui presieduta.
E' toccato a Claudio Tani, vice Presidente Regionale Federcaccia, fare il punto su i risultati conseguiti a Pisa, e le situazioni ancora da definire per migliorare questa forma di gestione.
Pisa è senza dubbio una positiva esperienza , aver agito con prudenza gradualità, con un qualificato supporto scientifico, ha fatto si di avere una crescente adesione, evitare conflittualità con altre forme di caccia, una soddisfazione venatoria, con una continua espansione territoriale e numerica del capriolo.
"Dopo dieci dall'inizio di questa nuova pratica venatoria - ha sostenuto Marco Salvadori - dobbiamo porci delle ulteriori tutte quelle domande sollecitate dalla crescita costante delle richieste di accesso, individuando risposte all'altezza della sfida, a partire da una maggiore razionalizzazione dei distretti e delle sottozone, verificando la possibilità di aumentare l'area vocata".
Ma il confronto si è soffermato anche sulla necessità di porre un rimedio all'insufficiente realizzazione dei piani di prelievo, con l'individuazione di alcune soluzioni, tra cui l'intensificazione dell'impegno di caccia, agevolato anche dall'introduzione (modifica L.R. 20) del tesserino specifico per la caccia di selezione e lo sforzo per favorire un equilibrato aumento dell'accesso alla caccia di selezione ; infine, nel rispetto dell'impostazione generale del Regolamento Provinciale, approfondire la possibilità di diffondere alcune sperimentazioni condotte nei due ATC pisani e l'esperienza di altre realtà.
Nel mirino del dibattito anche la necessità di adeguare il Regolamento Provinciale,
mantenendo fermi i cardini del regolamento, fondati sul rapporto tra cacciatore di selezione e "proprio" territorio, dove è impegnato nella gestione. "Si tratta di individuare poche modifiche – ha commentato il presidente della Fidc Pisana - ma necessarie e urgenti ed in grado di dare risposte più efficaci alle richieste di accesso e all'insufficiente realizzazione dei piani di prelievo. Bisogna affrontare il problema delle sanzioni per semplici errori formali, quasi sempre privi di ricadute negative sulla gestione: piccolo problema, ma di grande impatto, che crea malcontento diffuso; la semplificazione (in atto) della "scheda di uscita" è importante, ma la soluzione vera sta nella modifica dell'art. 18 del Regolamento: incentivare , attraverso meccanismi premianti per il cacciatore di selezione, il ricorso al recupero degli ungulati feriti attraverso i conduttori di cani da traccia. Riflettere sui meccanismi attuali di formazione delle graduatorie, fondamentale elemento di stimolo per indurre il cacciatore alla buona gestione, per renderlo ancora più efficace; a dieci anni dall'avvio dell'esperienza può manifestarsi un calo di "tensione ideale", favorito anche dai meccanismi delle graduatorie: chi è più in alto è poco stimolato a ben fare perché irraggiungibile; chi è più in basso è ugualmente poco stimolato perché non potrà aspirare in tempi ragionevoli a salire". Ricercare una soluzione equilibrata, che non mortifichi né chi è in alto nella graduatoria (perché per primo ha creduto in questa forma di gestione e si è impegnato a ben gestire), né chi si affaccia ora a questa importante esperienza.
Le conclusioni dell'assessore Provinciale Giacomo Sanavio, che oltre a fare il punto su i risultati e le prospettive della caccia e della gestione dei cervidi e bovidi nella provincia, hanno interessato i vari aspetti legati alla nostra passione, le preoccupanti modifiche della legge comunitaria, l'esigenza di evitare il rinvigorire di oltranzismi degli anticaccia, lavorare per una caccia sostenibile, attenta ai problemi degli agricoltori per costruire un dialogo con le istituzioni, per una nuova dignità legittimata tra l'opinione pubblica.