Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

LA CACCIA IN MANO AL MINISTERO DELL’AMBIENTE.. NO GRAZIE!

La LIPU torna nuovamente all’attacco sui calendari venatori delle regioni italiane. In un comunicato uscito in concomitanza con la chiusura della stagione venatoria, l’associazione ambientalista torna ad attaccare le regioni accusandole di una cultura “filo-venatoria”. La proposta che la LIPU avanza, è quella di trasferire le competenze sulla materia al Ministro dell’Ambiente sul piano nazionale e agli Assessorati all’Ambiente nelle regioni. E’ chiaro che lo scontro in essere con le posizioni in più occasioni espresse dal Ministro dell’Agricoltura Centinaio, di segno diametralmente opposto, abbiano generato, come del resto avviene sul larga parte dei temi all’ordine del giorno del Governo giallo-verde, l’ennesimo corto circuito tra Lega e CinqueStelle. La caccia, fino a ieri materia estranea al “patto di governo”, rischia di diventare terreno di scontro e di prove muscolari ancora dall’esito incerto. La battaglia che il mondo venatorio dovrà compiere con coraggio e grande autonomia, dovrà essere incentrata sul decentramento delle competenze e per il rafforzamento del ruolo delle regioni nel governo della materia. La caccia infatti è da sempre e per ragioni oggettive, parte del sistema rurale e agricolo. Lì, deve rimanere! Certo è che i prossimi mesi, si caratterizzeranno per l’acuirsi di una nuova stagione contro i calendari venatori e le regioni. La macchina della propaganda ambientalista e animalista è da tempo in moto e i condizionamenti verso l’opinione pubblica, saranno pesanti e sferrati su fronti molteplici. Dobbiamo essere capaci di sviluppare non solo una forte resistenza nei Tribunali Amministrativi e nelle sedi istituzionali, ma anche uscire allo scoperto nei confronti della politica sui temi che oggi ci stanno a cuore. La caccia (ormai pare certo), rappresenterà un terreno di confronto e scontro politico. Noi, dobbiamo esserci, portando in campo valori e posizioni chiare su cui misurare la politica o cosa rimane di essa.