Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

5xmille

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

TOSCANA: PARZIALE RITIRO DEL RICORSO ANIMAL-AMBIENTALISTA

E’ di queste ore la notizia che le Associazioni Animal-ambientaliste Lipu, WWF, Enpa, Lav e Lac, promotrici del famigerato ricorso al Consiglio di Stato sul Calendario Venatorio della Regione Toscana hanno deciso di presentare un atto di rinuncia parziale ex art. 84 CPA sul ricorso stesso davanti al TAR Toscano.
Le Associazioni proponenti, per evitare un eventuale pronunciamento a loro sfavorevole sul alcuni temi sollevati (segnatura capi subito dopo l’abbattimento, carnieri nelle Agrituristico Venatorie, cumulo delle giornate per la caccia di selezione, tempi di caccia per alcune specie migratrici tra cui i Turdidi etc.) hanno deciso di ritirare parte del ricorso sui punti richiamati, lasciando pertanto in essere la discussione di merito di fronte al TAR solamente del punto 13 del Calendario venatorio per la violazione dell’ art. 18 commi 1 e 2 della L. 157/92 (arco temporale) e per il prelievo della specie Beccaccia. Pertanto, alla luce di quanto sopra riportato, alla prossima udienza del 19 Marzo di fronte al TAR Toscano resteranno da discutere solo i profili impugnativi relativi alla sottrazione dei periodi di “preapertura” e alla questione della chiusura anticipata della Beccaccia.
A parere della Confederazione Cacciatori Toscani, la scelta dei ricorrenti, mette ancora una volta in luce la debolezza e la genericità degli argomenti di merito presentati nel ricorso che purtroppo, nelle parti relative all’arco temporale e alla chiusura anticipata alla Beccaccia, hanno trovato accoglimento in via cautelativa nell’ ordinanza del Consiglio di Stato.
La battaglia legale è ancora viva e tramite i nostri legali continueremo a portare avanti tutti gli elementi per far sì che si verifichi un pronunciamento positivo da parte del TAR.