Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

LEGGE OBIETTIVO: APERTO IL CONFRONTO CON LA REGIONE

A seguito dell’incontro di oggi  tenuto presso il Tavolo di confronto istituito dalla Presidenza della Giunta Regionale, la Confederazione Cacciatori Toscani su mandato delle Associazioni confederate, ha fornito un contributo puntuale sui temi all’ordine del giorno.

Nonostante ciò non possono essere non evidenziate alcune criticità di metodo e di merito che l’ Assessorato, sembra si ostini a non voler superare. Permane nei fatti la mancanza di un reale coinvolgimento  di tutti i soggetti sottoscrittori del protocollo d’intesa finalizzato alla valutazione preliminare delle scelte e degli atti deliberativi che purtroppo, ancora oggi, ci troviamo costretti a valutare e conoscere solo a consuntivo.
Rimanendo al metodo, è noto a tutti che le normative, regolamenti, piani di controllo, etc. hanno una scadenza predeterminata, chiaramente evidenziata all’atto della loro approvazione. Per tale motivo rimane difficile comprendere come mai, ogni volta, dobbiamo aspettare la scadenza dei provvedimenti stessi prima di poter affrontare una discussione approfondita sul loro rinnovo, non procedendo per tempo ad una discussione preliminare delle bozze in modo tale da condividerne i contenuti prima dell’approvazione.
Un modo di procedere che impone tempi accelerati, finalizzati a recuperare il tempo perduto, comportando il rischio dell’approvazione di provvedimenti poco concertati o approssimativi.
Venendo al merito, la complessità dei temi oggetto di confronto e discussione impongono tempi di approfondimento, studio ed elaborazione, che non possono essere esauriti in pochi giorni se vogliamo veramente produrre valutazioni utili al miglioramento delle norme stesse. 
In merito alla legge Obiettivo abbiamo appreso indirettamente che l’ Assessorato ha prodotto e approvato recentemente il III° Report sullo stato di attuazione della Legge 10/2016. 
Un atto tecnico importante che non è stato, come sempre, né visionato, né tantomeno discusso e concertato con nessun soggetto portatore di interesse. Sulla base di questo report, che sembra promuovere a pieni voti la legge, si ritiene, da parte della Regione,di poter prorogare la stessa in assenza di valutazioni esterne che potrebbero rivelarsi costruttive.

A nostro parere, pur riservandoci una attenta valutazione dei dati inseriti nel report, la Legge Obiettivo, nata come una norma speciale e che come tale, se avesse ottenuto i risultati richiesti e auspicati, non avrebbe dovuto richiedere proroghe, ha presentato luci ed ombre;  sarà proprio sulle ombre che occorrerà lavorare, apportando le modifiche, che la Confederazione Cacciatori Toscani richiede da tempo.

Alla luce di queste inevitabili premesse la Confederazione ha tuttavia presentato un documento contenente alcune osservazioni di fondo necessari per i passaggi successivi che riportiamo in sintesi:

  • Preso atto che è stato assunto l’impegno a procedere celermente all’approvazione del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, occorrerà programmare una accurata e attenta valutazione dei confini di taluni Istituti Faunistici presenti sul territorio ZRC, ZRV etc., valutando eventuali trasformazioni e/o riperimetrazioni al fine di evitare la concentrazione di talune popolazioni di ungulati in aree sensibili.

  • Istituzione di un buffer di 300 metri tra area Vocata e area non vocata al cinghiale dove i distretti e le squadre debbano poter operare ed essere responsabilizzate sulle azioni di prevenzione e controllo. Ciò si rende necessario anche per evitare in alcune zone, conflitti tra caccia di selezione al cinghiale e distretti organizzati in squadre per la braccata.

  • Specificare che il parametro minimo per effettuare le battute può essere raggiunto anche con la presenza di cacciatori ospiti.

  • Corretta determinazione delle nuove Aree vocate non solo per la specie per il cinghiale ma anche per i cervidi e bovidi.

  • Delegare agli ATC i NUI(Numero Unico identificativo)  attraverso autorizzazioni comprensoriali con valenza annuale.  Sarà l’ATC, in collaborazione con le Polizie Provinciali,  nel rispetto degli strumenti e tecniche previste nei piani di controllo, a stabilire tempi, modalità e tipologia di intervento.

  • Attivazione rapida del Comitato tecnico scientifico previsto dal protocollo d’intesa, in fase di sottoscrizione, per rafforzare in chiave autonoma l’azione legislativa ed autorizzativa della Regione e nel caso supportare la stessa per superare le contraddizioni dei pareri ISPRA,  che anche se obbligatori, si trasformano sempre in “vincolanti”.

  • Garantire anche attraverso specifici piani di controllo e tramite personale abilitato dalla Regione, una corretta gestione delle Aree protette, Istituti a Protezione (Oasi, Demanio, Forestale, Riserve Naturali) e degli Istituti Faunistici Pubblici e Privati.

  • Costituzione di un fondo Regionale, come stabilito dalla Legge Nazionale 157/92 per la liquidazione dei danni provocati da fauna selvatica. Ad oggi le sole risorse economiche messe in campo, sono quelle provenienti dalle quote di iscrizione pagate dai cacciatori agli ATC. Tale situazione, vista la costante diminuzione del gettito economico, dovuta anche alla erosione numerica dei praticanti l’attività venatoria, rischia di non consentire la sopravvivenza degli ATC e l’equilibrio dei loro bilanci. Il fondo in oggetto, dovrebbe essere alimentato da una quota garantita dagli ATC, una seconda proveniente da risorse pubbliche (la fauna è bene indisponibile dello Stato) ed eventualmente da altre coperture di tipo assicurativo.
  • Urgente approvazione del documento contenente le linee guida unificate per tutti gli ATC Toscani relative alle metodologie di stima, di rilevamento e risarcimento dei danni.
  • Riconsiderare sul piano operativo ed economico il tema del trattamento e della valorizzazione delle carni e dei relativi processi di filiera. Aver previsto la costituzione dei centri di sosta e di lavorazione delle carni provenienti dalla selvaggina, scaricando il peso economico, i costi e la gestione di tale aspetto sull’ATC, non ha portato a risultati apprezzabili e soprattutto ha mantenuto una situazione che di fatto non valorizza questo importante prodotto. Manca una strategia che punti ad aprire i necessari circuiti della distribuzione e soprattutto la ricerca coordinata di strutture pubbliche e private, che potrebbero contribuire ad un progetto organico con uno specifico “brand” unificato che valorizzi la provenienza delle carni di animali selvatici del territorio Toscano.

  • Si propone di togliere i riferimenti alla CUC (Centrale Unica di Committenza) a carico degli ATC. L’ esperienza ed i fatti hanno dimostrato come gli stessi potranno rivolgersi alle CUC esistenti presso la pubblica amministrazione evitando ulteriori aggravi di costi.

 Su questi ed altri aspetti il confronto rimane aperto, tenuto conto che soprattutto per quanto riguarda le determinazioni future sulla Legge Obiettivo, le decisioni spetteranno al Consiglio Regionale.