Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

5xmille

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Certaldo: corso art. 37

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

PRECISAZIONI SULL'ABBATTIMENTO ACCERTATO

Ormai la preapertura è alle porte e, date le molte conflittualità sorte lo scorso anno durante i controlli effettuati dalle GGV in merito alle annotazioni sui capi abbattuti, ci preme ricordare a tutti i cacciatori gli importanti sviluppi che, a partire da questa stagione venatoria, dovranno essere applicati in fase di controllo.
Un verbale dello scorso anno ad opera di guardie volontarie appartenenti al coordinamento GAV di Siena, contestava ad un socio Federcaccia, la mancata annotazione dei capi sul tesserino venatorio, nonostante l’abbattimento non fosse ancora stato di fatti accertato.
Da lì, in fase di ricorso e grazie al supporto dell’assistenza tecnico-legislativa dell’associazione, la regione era giunta, in fase di archiviazione del verbale, a motivare la causa del rigetto dello stesso citando l’art.8 comma 9 bis della legge 3/94; tale articolo prevede difatti che l’annotazione del capo di selvaggina abbattuta, sia essa migratoria o stanziale, debba essere infatti fatto, solo al momento dell’effettuato accertamento, rendendo in tal modo nulla la contestazione fatta al cacciatore.
Grazie anche all’impegno della CCT e con il supporto di alcuni consiglieri regionali, si è giunti così alla presentazione della delibera 375 dell’11 gennaio 2018, poi approvata in via definitiva dal consiglio regionale il 14 di Aprile, che prevede che tale disposizione debba essere messa in atto durante i controlli che vengono effettuati sul territorio.
Tra le premesse della delibera, oltre alla modifica all’articolo 8 stesso con l’inserimento del comma 9 che si era resa necessaria in quanto, lo stesso nel quadro generale, risultasse di difficile interpretazione, veniva citato il punto 5 della l.r.37 che afferma che: “l’annotazione deve avvenire subito dopo l’abbattimento accertato, ovvero nel momento in cui il cacciatore verifica personalmente l’effettivo abbattimento del capo”.
Tali disposizioni, di assoluto valore, riaffermano pertanto la certezza del diritto per tutti i cacciatori toscani.
La forza di una voce unitaria consente, senza ombra di dubbio, di farsi valere anche nei confronti di chi a prescindere osteggia l’attività venatoria in maniera deliberata e strumentale, andando a ledere i diritti di tutti i cacciatori.
A partire da questa preapertura ci aspettiamo quindi un adeguamento in termini d controllo ad opera di tutto il personale adibito preposto, la CCT si rende inoltre sempre disponibile ad assistere quei cacciatori che, in caso contrario, si vedessero contestate presunte scorrettezze pur avendo proceduto all’ annotazione dopo l’effettuato accertamento.