Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

5xmille

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

PARCO DEI MONTI LIVORNESI: LA CCT CHIEDE GARANZIE PER I CACCIATORI!

Si è svolta ieri a Rosignano (LI) una partecipatissima assemblea indetta dalla Confederazione Cacciatori Toscani sul tema relativo all’istituzione del Parco regionale dei Monti Livornesi.
Una questione “calda” che interessa migliaia di cacciatori livornesi e che coinvolge anche i cittadini e le attività svolte sul territorio. Una sala gremita di oltre 150 personeha avuto modo di conoscere nel dettaglio l’iter, e le problematiche, connesse all’istituzione del Parco Regionale e quelle che potrebbero essere le future prescrizioni relative alla regolamentazione sia delle aree sottoposte al vincolo di Parco regionale che alle aree contigue.

I lavori sono stati aperti da Fabrizio Bagnoli, esponente della CCT di Rosignano, che inquadrando le ragioni dell’incontro, ha ribadito con forza le preoccupazioni del mondo venatorio per una scelta che deve necessariamente coinvolgere tutti i portatori di interesse. Nel merito del complesso iter e delle proposte su cui focalizzare l’attenzione, sono entrati con il loro intervento numerosi relatori, raccogliendo le sollecitazioni di Franco Poli, coordinatore provinciale della Confederazione, che ha voluto evidenziare con forza la necessità che i cacciatori debbano essere legittimamente rappresentati al tavolo della discussione, partendo da specifiche richieste che sono state successivamente presentate durante la serata.
Roberto Callaioli, in rappresentanza dell’ ATC LI 9, ha ben argomentato il ruolo svolto dall’ ATC in questa prima fase del percorso istitutivo; un percorso che ha bisogno di essere costantemente monitorato, anche per gli inevitabili risvolti collegati alla gestione faunistica e alle pratiche venatorie.

Particolarmente apprezzato, l’intervento dell’ Assessore all’ Ambiente del Comune di Rosignano, Licia Montagnani, che ha voluto ribadire il ruolo dei comuni come rappresentanti degli interessi collettivi e delle istanze territoriali, oltreché riferimento per le future procedure istituzionali emanate dalla Regione Toscana.

A seguire gli ulteriori interventi di Pierino Barsotti (ARCT Provinciale) e Paolo Pellegrini (Presidente Federcaccia Livorno) incentrati sulle responsabilità  in capo alla Regione, e sulla necessità che vengano garantite e tutelate le legittime richieste del mondo venatorio. Sugli aspetti relativi alle proposte è entrato Marco Romagnoli, Segretario Regionale della Confederazione Cacciatori Toscani, che ha seguito di numerosi interventi da parte del pubblico e dei rappresentanti di forze politiche e candidati presenti in sala, ha enucleato i principali contenuti su cui la Confederazione si presenterà al confronto istituzionale e sui quali chiederà già nei prossimi giorni un incontro urgente all’ Assessore Regionale dell’ Ambiente Federica Fratoni. Romagnoli ha ricordato come il mondo venatorio è il primo ad essere interessato alla difesa ambientale e della biodiversità, sulla base di quanto emerge nel recente rapporto ONU sull’ emergenza del pianeta. Ciò detto la difesa dell’ Ambiente non passa solo dalla istituzione di Parchi e dalle logiche dei divieti; essa deve essere il frutto di una visione generale del territorio e di politiche che sappiano armonizzare l’uomo e le sue attività con la salvaguardia dell’ ambiente quale bene comune.

Di seguito riportati i punti centrali delle proposte avanzate dalla Confederazione Cacciatori Toscani:

  • Attenta revisione delle Aree Contigue individuate, al fine di limitare al massimo l’incidenza con l’esercizio venatorio. Il corridoio tracciato per collegare le due Aree protette dei Monti Livornesi, potrebbe essere oggetto di una attenta riperimetrazione, pur mantenendo integro l’aspetto di uniformità territoriale (non è detto che gli istituti Rete Natura 2000 debbano necessariamente essere parte integrante delle Aree Contigue). Tale revisione si rende opportuna, quanto necessaria, per evitare in zone altamente interessate dall’attività venatoria, le possibili forme di limitazione previste dall’art 11 della L.N. 394/91 dal Decreto 184/2007, criteri minimi uniformi per le misure di conservazione delle ZPS, ZSC  dove all’art 5 comma 1 si prevedono una serie di misure inderogabili valide per tutte le tipologie di ZPS; 

  • Precise garanzie all’interno del futuro regolamento di gestione, affinchè in dette aree contigue siano evitati effetti di ulteriore regolamentazione della caccia. In particolare dovranno essere garantite misure di salvaguardia rispetto a:

  • numero degli appostamenti fissi esistenti e possibilità di trasferimento della concessione per il futuro e/o della possibilità di variazione per tipologia;

  • Mantenimento della caccia in braccata alla specie cinghiale e mantenimento delle competenze attuali affidate all’ATC nell’organizzazione dei distretti, e dell’organizzazione delle battute tramite assegnazione alle squadre di caccia;
  • Accessi alle aree contigue garantiti a tutti i cacciatori iscritti all’ATC per le varie forme di caccia;

  • No a limitazioni sui termini dell’attuale Calendario Venatorio Regionale sia in ordine ai tempi di caccia, che alle specie cacciabili ed alle forme di caccia.                       
  • A seguito della recente approvazione da parte del Ministero dell’Ambiente del Piano Lupo, attualmente depositato presso la Conferenza Stato Regioni, si presenta un nuovo potenziale pericolo per quanto attiene la caccia in braccata al cinghiale nelle aree contigue. Infatti, al punto azione 1.3 del Piano Lupo vengono previste forti limitazioni per l’esercizio della braccata nelle aree contigue ai Parchi Nazionali Regionali con una graduale estensione a tutte le aree critiche per la specie Lupo. Se tale impostazione del Ministero non sarà ribaltata dalle Regioni (Toscana in primis) in via indiretta, la caccia al cinghiale in braccata sarà nei fatti praticamente inibita in dette aree.
  • Garantire una rappresentanza costante del mondo venatorio nelle sedi di confronto con il futuro Ente di gestione del Parco. Il mondo venatorio al pari di quello agricolo dovrà essere parte integrante della comunità del Parco e avere titolo a partecipare alla vita del Parco ed alle scelte strategiche di natura gestionale e dei regolamenti.

 Su questi ed altri aspetti, la CCT lavorerà nelle prossime settimane, avendo cura di informare i cacciatori e i cittadini su questa importante tematica e sulle evoluzioni ad essa collegate.