Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

5xmille

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Certaldo: corso art. 37

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

CALENDARIO VENATORIO 2019-2020: VALUTAZIONI E PROPOSTE DELLA CCT


A seguito dell’incontro svolto presso l’assessorato della Regione Toscana lo scorso 10 Aprile, si è di fatto aperta una fase di consultazione e confronto sui principali contenuti del Calendario Venatorio Regionale Toscano 2019/2020.

Fermo restando il principio fondamentale di garantire la massima certezza del diritto ai cacciatori Toscani dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato e del TAR Toscano su alcuni aspetti del Calendario che andranno attentamente valutati, la Confederazione Cacciatori Toscani per mezzo delle associazioni confederate, intende esprimere alcune valutazioni e orientamenti che prossimamente saranno posti all’attenzione degli uffici competenti.

Nel merito si intende evidenziare quanto segue:

  • Per quanto concerne la cosiddetta pre-apertura, nella eventualità che la regione intenda riproporre tale opportunità, appare evidente come in attesa di un pronunciamento del Consiglio di Stato su ricorso presentato da Federcaccia e CCT, sia doveroso proporre lo svolgimento della eventuale pre-apertura nelle date 1 e 8 settembre alla specie Tortora (Streptopelia turtur), Storno (Sturnus vulgaris) e Corvidi (Cornacchia Grigia, Gazza, Ghiandaia). Sempre per le stesse date, si propone la possibilità di valutare anche l’inserimento del prelievo della tortora dal collare e piccione in rispondenza anche alle necessità di limitare i danni alle produzioni agricole e per ragioni igienico sanitarie.

  • Fermo restando l’apertura generale della caccia alla terza domenica di settembre, pare necessario rilevare come per la specie Colombaccio (Columba palumbus)occorra garantire la massima certezza del diritto per il prelievo nel rispetto dell’arco temporale previsto dalle linee guida. In particolare si propone il periodo di caccia alla specie con apertura alla terza domenica di settembre e termine al 31 gennaio così come proposto dalla Regione. Tale periodo consente infatti di esercitare un prelievo compatibile con la biologia della popolazione ed evitare possibili danni al contingente svernante in caso di eventuale prolungamento del periodo di prelievo.
  • Per la caccia al Cinghiale nella forma del prelievo in braccata nelle zone vocate, si propone di mantenere ferma l’impostazione ormai applicata da anni in Toscana. Apertura dal 1 Novembre  al 31 Gennaio con possibilità, nel rispetto dell’arco temporale massimo, di eventuali  aperture differenziate in alcune province toscane.

  • Per quanto riguarda il prelievo della specie Allodola, vogliamo nuovamente richiamare quanto già evidenziato lo scorso anno in una nota inviata all’ assessore Remaschi. In riferimento al punto 3 della delibera n° 767 del 09.07.2018 relativa al Calendario venatorio si precisa che il Piano di Gestione Nazionale dell’ Allodola al comma 4 del punto 6.2.2 “Sostenibilità del prelievo venatorio” prevede:
    Adozione di carnieri (giornaliero e massimo) differenziati tra i cacciatori di allodole specialisti o occasionaliLe Regioni interessate possono promuovere la specializzazione del cacciatore e la differenziazione dei carnieri (fino ad un massimo di 20 allodole giornaliere e 100 annuali per cacciatori specialisti.
    Considerato che la Regione dispone di tutti i dati richiesti da Ispra, si ritiene opportuno che la Regione secondo quanto indicato da Ispra approvi un nuovo atto individuando i cacciatori di Allodole Specialisti, sulla base delle Allodole da richiamo legalmente detenute o titolari di appostamenti fissi alla minuta selvaggina in zone vocate alla specie in oggetto; in tal caso, tali cacciatori potranno prelevare i 20 capi giornalieri e 100 annuali.                                                                                                            

Altra criticità su cui esprimere un orientamento riguarda il prelievo della Beccaccia alla luce di quanto verificato nella passata stagione venatoria a seguito del pronunciamento del Consiglio di Stato e successivamente ribadito dal TAR Toscano.
Nel merito, vogliamo nuovamente evidenziare come la Regione possa avvalorare dal punto di vista tecnico scientifico, la possibilità di un prelievo della specie oltre la data del 10 gennaio. Una posizione che si ricollega alla stragrande maggioranza dei Calendari Venatori Regionali e ampiamente legata ai principi di conservazione della specie.
Per tale ragione appare condivisibile la proposta della Regione dove viene indicata la data del 31 gennaio per il prelievo della specie. Tale indicazione dovrà essere supportata dagli studi e dai dati scientifici in possesso della Regione Toscana.

Nei prossimi giorni, avremo modo di poter meglio fornire ulteriori utili valutazioni nelle sedi e nei tavoli di confronto aperti a livello istituzionale su questi ed altri contenuti del nuovo Calendario Venatorio Regionale.

Infine, vogliamo con forza esprimere una posizione netta sulla proposta avanzata dagli uffici regionali di rendere obbligatorio l’uso della App Toscaccia e del Tesserino Venatorio digitale in sostituzione di quello cartaceo per i cacciatori nati successivamente alla data del 1.1.1960

Pur comprendendo i vantaggi e l’importanza della raccolta dati e fermo restando il nostro impegno, passato e futuro, nella sensibilizzazione dei cacciatori per l’uso del tesserino venatorio elettronico, non possiamo che esprimere una netta contrarietà alla possibilità di rendere obbligatoria tale scelta ai cacciatori.

Un disagio e un aggravio potenziale di costi (data la tipologia di smart phone compatibile) che non può essere scaricata sui cacciatori in ragione di presunti risparmi sulla stampa del documento cartaceo. Una cultura ed un uso consapevole della tecnologia può e deve essere creata e promossa con intelligenza e supporto ma non certamente imposta!