Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

5xmille

Tesseramento 2019

Sport e Cinofilia 2019

Clicca per scaricare il progetto

I predatori devono essere controllati

Clicca l'immagine per scaricare il comunicato

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Convegno Nazionale progetto ANASAT


Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Il Colpo d’Ala

Tos Caccia

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Login

I cacciatori del Chianti per i terremotati

Hanno risposto con passione ed entusiasmo i cacciatori chiantigiani all’appello in favore dei terremotati, lanciato dal comune di Castellina in Chianti già nello scorso agosto. Un invito a raccogliere fondi a favore delle popolazioni terremotate dell’Abruzzo che le Associazioni Venatorie di Castellina in Chianti, Federcaccia e Arcicaccia, insieme ad altre associazioni locali, hanno sottoscritto lavorando di buona lena per la riuscita di eventi e iniziative. E così l’obiettivo di almeno trentamila euro, da consegnare direttamente ad una delle amministrazioni locali delle aree terremotate per la realizzazione o restauro, anche parziale, di un’opera pubblica, identificabile, che possa dare il senso della solidarietà tra popolazioni, è ormai davvero vicino.  Tre cene di solidarietà alle quali hanno partecipato centinaia di cittadini sono state realizzate grazie ai cacciatori che ci hanno messo la materia prima, ma anche e soprattutto il fior fiore dei propri chef che con esperienza e maestria hanno curato l’aspetto culinario e organizzativo degli appuntamenti conviviali.
Oltre ciò le cinque squadre del distretto di caccia al cinghiale hanno deciso di devolvere 500 euro ciascuna da versare nel fondo di solidarietà aperto dal Comune insieme all’impegno di organizzare una ulteriore cena che, con la previsione di una partecipazione di oltre 400 persone,  sarà allestita all’aperto quando le condizioni atmosferiche lo permetteranno (presumibilmente fine primavera-inizio estate) non avendo, attualmente, disponibilità di locali coperti che permettano una ricettività sufficiente.

Firenze 20 febbraio 2017