Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento

Per Saperne di Più

Faq

Archivio News

FEED - RSS

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Abilitazione cane monitoraggio Beccaccia

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Nuova Convenzione per soci Fidc

Seminario di approfondimento per giudici

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Corso caccia di selezione Capriolo

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Quando la fauna diventa un pericolo

Guida alla Mobilità Venatoria 2018-2019

34° Trofeo Veltro Corrente

Corso per GGVI

Clicca l'immagine per scaricare il programma

L’ ambiente migliora grazie ai Cacciatori

Il Colpo d’Ala

Nuove arre vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Tos Caccia

Campagna Federcaccia Toscana 2016

Login

ULTIM'ORA, LA REGIONE TOSCANA CHIEDE NUOVO PARERE AD ISPRA


Nell'alveo di quanto già da noi evidenziato nelle scorse ore riguardo le motivazioni tecnico scientifiche di un possibile provvedimento che vada a superare l'effetto dell'ordinanza del Consiglio di Stato, la Regione Toscana ha chiesto all' Ispra un nuovo parere in merito.
Secondo noi rimane impellente l'attuazione da parte della Regione di un provvedimento che ripristini il diritto per le migliaia di cacciatori toscani interessati.
Di seguito la comunicazione ufficiale.
Vi terremo aggiornati su ulteriori sviluppi.

Un'ordinanza del Consiglio di Stato del 17 dicembre scorso ha disposto la chiusura anticipata della caccia di alcune specie di uccelli, decurtando il calendario venatorio della Toscana di circa 15 giornate rispetto a quanto previsto dalla Giunta regionale. Sulla vicenda interviene oggi l'assessore all'agricoltura Marco Remaschi: "Nella lettura delle motivazioni che hanno portato il collegio giudicante ad emettere questo provvedimento, peraltro in netto contrasto con quanto affermato poche settimane fa dal Tar della Toscana, la Regione ha chiesto d'urgenza un parere aggiuntivo all'Ispra rispetto alla possibilita' di ripristinare le giornate di caccia tolte dal provvedimento giudiziario". La Regione ritiene infatti che due singole giornate di preapertura non possano comportare la decurtazione dell'intero periodo intercorso tra le due giornate e l'avvio ordinario della stagione venatoria. Questo in quanto soggette a specifica deroga in base alla legge 157.
Per quanto riguarda in particolare le popolazioni di Colombaccio e di Corvidi, specie che risultano in condizioni stabili o in crescita in tutto il territorio regionale, il prelievo venatorio nel mese di gennaio rappresenta un'importante attivita' di limitazione delle popolazioni. In mancanza dell'attivita' venatoria ordinaria, causata dalla decurtazione dei 15 giorni di caccia imposta dal Consiglio di Stato, si renderebbe necessario un successivo intervento di controllo al fine della protezione della biodiversita' e per la limitazione dei danni all'agricoltura su gran parte del territorio toscano. Le specie per le quali il Consiglio di Stato ha imposto la modifica del calendario venatorio: Merlo: chiusura della caccia dal 18 dicembre 2018 Cornacchia grigia, Ghiandaia, Gazza: chiusura della caccia dal 17 gennaio 2019 (16 gennaio ultimo giorno di caccia) Alzavola, Marzaiola e Germano Reale: chiusura della caccia dal 17 gennaio 2019 (16 gennaio ultimo giorno di caccia) Colombaccio: chiusura della caccia dal 17 gennaio 2019 (16 gennaio ultimo giorno di caccia) Beccaccia: chiusura della caccia dall' 11 gennaio 2019 (10 gennaio ultimo giorno di caccia).