Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento

Per Saperne di Più

Faq

Archivio News

FEED - RSS

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Nuova Convenzione per soci Fidc

Guida alla Mobilità Venatoria 2018-2019

Raduno Nazionale Falconeria

Il Colpo d’Ala

Nuove arre vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Tos Caccia

Campagna Federcaccia Toscana 2016

Login

ATTENTI AL LUPO!!!


Torniamo ancora sull’argomento Lupo. La nostra, ovviamente, non deve essere scambiata come una ossessione su un argomento estremamente complesso e che deve necessariamente essere trattato con competenza ed equilibrio. Torniamo sull’argomento e sugli esiti dell’importante Simposio organizzato da Ispra lo scorso 3/4 dicembre a Roma, perché riteniamo che in quella sede, siano emerse posizioni importanti sulle quali anche noi cacciatori dobbiamo necessariamente riflettere. Certamente, per chi come la CCT, da tempo, sta sostenendo che su questo problema occorre passare urgentemente dalla “Conservazione” alla “Gestione” ed occuparsi sempre più, dell’impatto che questa specie ha sulla convivenza e sulle attività umane, i risultati di questo appuntamento non possono essere considerati minimamente soddisfacenti. A nostro parere, dopo anni di investimenti milionari, continua a prevalere la solita rincorsa a stabilire come priorità l’unificazione dei criteri di monitoraggio e delle banche dati;  la rincorsa a chiedere adeguati finanziamenti, con soldi pubblici, al Ministero dell’ Ambiente, vista la forte contrazione di risorse economiche Europee provenienti dai progetti Life. Più soldi quindi per gli stessi monitoraggi, riaffermando al contempo la logica “Conservativa” di questa specie. Una logica che scarica gli effetti negativi sugli allevatori e su chi vive la ruralità e il rapporto con il territorio, vivendo i problemi di sopravvivenza che risultano drammaticamente distanti dalla cartolina del “paesaggio incantato con il lupo buono e la bambina che lo accarezza”. Tuttavia, e ciò non era scontato, qualcuno ha coraggiosamente e con onestà intellettuale, presentato un chiave di lettura e delle proposte ben diverse innescando così una sfida culturale e politica che sicuramente è destinata ad alimentare il dibattito ed il confronto nei prossimi giorni. La sfida della gestione opportunamente avanzata dal Prof. Marco Apollonio e dal Presidente di Federparchi Gianpiero Sammuri, rappresentano l’alveo culturale sul quale anche il mondo venatorio potrà apportare un positivo contributo.


Ripartiamo dunque da qui, per un lavoro a fianco delle regioni e delle istituzioni locali, alimentando una coscienza critica sulla situazione che stiamo vivendo nei territori, facendo squadra e lavorando a fianco con chi oggi vive una emergenza che non può rimanere confinata nelle riunioni in prefettura o affogata nelle solite promesse assistenzialiste del politico di turno. Anche su questi temi pertanto, possiamo rigenerare l’orgoglio di essere cacciatori e dimostrare alla società la nostra capacità di incidere sui temi creando alleanze con chi sta dalla parte della ruralità. Lo stesso orgoglio che ci porta a denunciare un episodio molto grave verificatosi proprio durante i lavori del convegno e che ha gettato discredito sul nostro essere cittadini onesti prima ancora che cacciatori. Ci riferiamo all’intervento di un partecipante, che risulta essere con molta probabilità consulente tecnico della Regione Toscana, oltrechè noto appartenente all’ Università di Firenze. Questo signore ha accusato senza mezzi termini i cacciatori e soprattutto le squadre per la caccia al cinghiale, additandoli di essere responsabili di atti di bracconaggio sui Lupi per ridurre la concorrenza di questo predatore sul cinghiale e poter continuare i loro affari illeciti della vendita delle carni. Affermazioni riscontrabili nel video allegato tratto dalla diretta streaming del Convegno diffusa da Ispra. Nel riservarci ogni valutazione su simili accuse gravemente lesive dell’immagine dei cacciatori, delle squadre e della caccia in battuta al cinghiale, vogliamo a questo punto sapere se tali affermazioni siano condivise anche dalla Regione Toscana, dall’Assessorato, dagli Uffici e dalla Presidenza della Giunta regionale. Siamo certi di no! E siamo ancor più certi che gli interessati non faranno tardare una loro autorevole risposta. Nel frattempo non rimane che rimarcare ancora una volta il palese tentativo di scaricare sui cacciatori e sul mondo venatorio le responsabilità e le incompetenze di altri accompagnate ad un disegno ormai chiaro, che punta a colpire il mondo delle squadre e della caccia in braccata. Un disegno per favorire chi?? Il tempo e i fatti ci consegneranno presto una risposta anche se qualcuno non ha messo in conto che la Confederazione Cacciatori Toscani non sarà certo uno spettatore passivo ed inerme.

Di seguito il link del video:

https://www.facebook.com/CCTconfederazionecacciatoritoscani/videos/310712609539185/