Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento

Per Saperne di Più

Faq

Archivio News

FEED - RSS

Progetto The data from the sky

Clicca per scaricare il progetto

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Nuova Convenzione per soci Fidc

Guida alla Mobilità Venatoria 2018-2019

Raduno Nazionale Falconeria

Il Colpo d’Ala

Nuove arre vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Tos Caccia

Campagna Federcaccia Toscana 2016

Login

LA CCT CON I CACCIATORI PER RIPENSARE… SUPERARE… LA LEGGE OBIETTIVO

Una sala gremita ha risposto all’invito della Confederazione Cacciatori Toscani che ha dato vita a Siena, ad un importantissimo appuntamento dedicato alla valutazione dei risultati diffusi dalla regione toscana sulla Legge obbiettivo e sul sistema delle nuove aree vocate per la caccia al cinghiale in battuta. Ai Tanti dirigenti appartenenti alle associazioni confederate Federcaccia, ANUU e ARCT si sono aggiunte decine e decine di cacciatori ed attivisti impegnati nei distretti e nelle squadre per la caccia al cinghiale. L’attesa era tanta data anche la delicatezza dei problemi. Unanime il riconoscimento alla Confederazione per la sua capacità di rappresentare un punto di riferimento forte e deciso per le battaglie che si dovranno intensificare nelle prossime settimane e per il sistema di alleanze che si potranno generare con altri portatori di interesse, in primis il mondo agricolo. Coinvolgere i cacciatori nei processi decisionali che li riguardano sta alla base del ciclo di incontri che si stanno svolgendo in queste settimane; un lavoro urgente e necessario in quanto, soprattutto per le nuove aree vocate, i tempi di approvazione si presentano abbastanza ravvicinati nonostante la mancanza di un percorso e di un confronto con le parti in causa  volutamente evitato dalla Regione Toscana. Dopo il saluto di Mauro Bianchi in rappresentanza della neo costituita CCT provinciale di Siena che ha fortemente voluto questa importante iniziativa, Moreno Periccioli Presidente Regionale Federcaccia non ha usato mezzi termini per rappresentare il giudizio sulla Legge Obbiettivo: “avevamo ragione noi!! questa Legge è un fallimento non solo perché si basa sulla volontà di innescare il conflitto tra le varie forme di caccia e tra i cacciatori ma anche per i risultati che sembra aver ottenuto.
Un capolavoro alla rovescia dove si registrano danni crescenti alle coltivazioni provocate dagli ungulati, più incidenti stradali, minori abbattimenti e contenimenti delle popolazioni presenti sul territorio”


Noi pensiamo che sia giunto il momento di un profondo ripensamento dell’impianto della Legge accompagnato da un radicale cambio di metodo politico da parte dell’assessorato; serve più condivisione ed ascolto, maggiore coinvolgimento delle categorie interessate, cacciatori ed agricoltori  e maggiore centralità e fiducia verso i compiti e le funzioni che dovranno svolgere gli ATC.
L’aver puntato a risolvere il problema danni sostituendo lo sforzo di caccia all’applicazione ragionata e tempestiva dell’art 37 e degli interventi in controllo, ha provocato il flop  che sta sotto gli occhi di tutti.
La Confederazione Cacciatori Toscani che per prima ha esternato le proprie riserve su queste scelte operate dalla Regione Toscana, oggi chiede a tutti una assunzione di responsabilità e di coraggio; il coraggio di cambiare e di ripensare una idea di gestione degli ungulati . Lo chiede anche a coloro che con i loro silenzi e talvolta con i loro assensi, confortano gli amministratori nel proseguire una strada sbagliata e priva di sbocchi.
Le nostre proposte sono chiare: aprire così come previsto dalla Legge 10, una verifica sullo stato di applicazione e sull’ analisi dei dati da parte del Consiglio Regionale e della Competente Commissione. Una verifica vera, che analizzi con trasparenza i numeri e ci consegni una fotografia reale di quello che per noi è già acclarato.
La presentazione di una proposta di Legge organica che modifichi l’attuale Legge 10 nelle parti che la rendono inefficace o inadeguata.
Reinserire e sburocratizzare l’applicazione dell’art 37 in tempi consoni, con i giusti ed adeguati strumenti e nei luoghi e strutture a rischio di danni.
Gestione dei contenimenti sull’intero territorio, comprese le aree protette e le riserve naturali,dare il massimo delle responsabilità operative agli ATC, costituire fasce cuscinetto tra aree vocate e non vocate per la gestione non conflittuale della caccia di selezione al cinghiale, responsabilizzando le squadre e i distretti nei territori di competenza e nelle aree limitrofe.
Costituzione di un fondo sui danni così come previsto dalla legge 157 e che può e deve essere alimentato con risorse pubbliche e con coperture assicurative.
Altre importanti proposte sono scaturite dalla relazione tecnica curata dal Dott. Federico Morimando e dagli interventi che si sono succeduti.
La Confederazione  da Siena lancia pertanto un segnale chiaro ed inequivocabile sulle proprie posizioni e proposte che saranno presentate all’ attenzione di tutti i gruppi che siedono in Consiglio Regionale.