Immagine 01
Immagine 02
Immagine 03
Immagine 04
Immagine 05

Tesseramento

Per Saperne di Più

Faq

Archivio News

FEED - RSS

Login

Campagna Federcaccia Toscana 2016

SAGRA DEL CINGHIALE NUMERO 42: A CHIANNI (PI) DI SCENA SOLIDARIETA’, BUONA TAVOLA E POLITICA VENATORIA

 

pisa sagraIl cinghiale ci mette il nome e le ottime carni ma a Chianni la omonima Sagra è da sempre, da 42 anni in qua, molto di più come testimonia la cerimonia di inaugurazione celebrata all’insegna dello slogan “Per non dimenticare”. Anche quest’anno infatti l’impegno degli organizzatori non si è rivolto solo all’ottima cucina e alle occasioni di bilancio e confronto sulle prospettive del mondo venatorio: proprio l’inaugurazione ha consentito di raccogliere fondi significativi messi a disposizione delle popolazioni di Arquata del Tronto, colpite dal terremoto nell’agosto del 2016.
Una inaugurazione che ha preso le mosse dalle considerazioni del presidente Marco Salvadori, in una sala affollata dai componenti il Consiglio Provinciale della Federcaccia pisana, presenti tra gli altri il sindaco di Chianni Giacomo Tarrini, il presidente della Sagra, Leandro Gherardi, i presidenti degli ATC pisani, Marco Ciampini e Gian Luigi  Ladurini, rappresentanti della comunità di Arquata del Tronto, il consigliere regionale Andrea Pieroni e dirigenti delle sezioni pisane.
Un’occasione affatto formale, come testimonia l’ampio e circostanziato intervento del presidente regionale di Federcaccia, Moreno Periccioli, che ha affrontato la difficile situazione della Toscana “un tempo faro e punto di riferimento sul piano nazionale e adesso caratterizzata da una insoddisfazione diffusa”. Un quadro critico di cui proprio istituzioni ed uffici preposti portano indiscutibili responsabilità.premiazione pisa
Ancora una volta sottolineati i ritardi nell’insediamento degli ATC, le norme restrittive che ne rischiano di ingabbiare l’operatività, il tema dei danni e del flop della legge obiettivo che ha obiettivamente messo l’una contro l’altra diverse forme di caccia, la crisi della piccola selvaggina stanziale e la necessità di rilanciare, assieme ai temi della gestione, un nuovo modello per la caccia in Toscana.
Un targa consegnata a Paolo Cerdini, segretario regionale della FIdC è stata l’occasione per un commosso ricordo di Massimo Cocchi recentemente scomparso.
Oltre 100 i partecipanti alla eccellente cena nel corso della quale è stato consegnato un assegno al Comune di Arquata del Tronto al consigliere delegato dal sindaco Mauro De Santis di 3,500.